Beltane: Calendimaggio, Festa delle rose

Nota come il Calendimaggio popolare, i pagani la chiamano anche Walpurga oppure, nei paesi del nord, May Day (Giorno di Maggio). La si celebra nella notte tra il 30 aprile e il 1° maggio. Beltane (pronunciato bielt-n e letteralmente significa “splendente” o “fuoco brillante”) segna il tempo della fine dell’inverno e l’inizio della metà luminosa dell’anno, ed è la grande festività dedicata ai riti di fertilità e alla propiziazione dei futuri raccolti.

È una festa di prosperità. È il momento del sacro incontro tra la Dea e il Dio, il momento in cui si innamorano e la celebrazione dell’estasi di amore che riempie la terra con le gemme della vita. Si dà il benvenuto all’estate che si approssima e si lavora molto in previsione dei raccolti.

Questa è la festa in cui si accendono i fuochi e in cui la gente salta attraverso il fumo e le fiamme per purificarsi per l’estate in arrivo, e generare fertilità. Il fuoco di Beltane, fatto con la legna di sette tipi diversi di albero, viene acceso su una griglia sacra appositamente predisposta. Questa griglia viene preparata disegnando un quadrato per terra e dividendo in nove quadrati più piccoli. Gli otto quadratini esterni vengono rimossi con una vanga, ma il nono viene lasciato al centro. Questo need-fire (fuoco della necessità) viene acceso, su questo quadrato centrale, girando un fuso di legno di quercia nella cavità di un tronco di quercia che è l’antico modo di accendere il fuoco. In periodi precedenti, tutti i fuochi del luogo venivano spenti alla vigilia di maggio, per poi riaccenderli con il fuoco di Beltane del paese che, bruciando al centro della griglia dai nove quadrati, era il focolare centrale della comunità.

I fuochi sono già stati riaccesi dal focolare centrale e possono cominciare i festeggiamenti del palo di maggio (un’alta pertica a cui sono legati nastri rossi e bianchi, intorno a cui si danza, tenendoli per mano ed avvolgendoli lungo il palo. Questa danza propizia la prosperità e la crescita). Si danza intorno al palo di maggio, fatto di legno di betulla – albero di purificazione – ad imitazione del roteare del fuso per creare il fuoco che, nella vigilia di Maggio, accende il focolare di Beltane.

Una festa di gioia, fertilità, fecondazione e concepimento; il significato della festa è proprio questo, l’unione della natura maschile e femminile al fine del concepimento e del perpetuarsi della vita di ciclo in ciclo.

Essendo anche la Festa delle Rose, visto che maggio è il mese delle Rose, mese dedicato alla dea, alla femminilità, alla donna (mese della Festa della Mamma), mese dedicato alla Madonna e a tutte le celebrazioni mariane, in questo mese vi è anche la ricorrenza di una Santa molto amata, Santa Rita da Cascia con la tradizionale messa di benedizione delle Rose.

Santa Rita, vedova e religiosa, fu monaca agostiniana nella diocesi di Spoleto. Fervente credente, perdona gli assassini di suo marito ma si angoscia vedendo i figli prendere la strada della vendetta. Dedicandosi alla preghiera, visse per 40 anni nel monastero. Ricevette una spina della corona del Cristo conficcata nella fronte e le stigmate. Nella giornata del 22 maggio, in tuta Italia, viene ricordata con celebrazioni liturgiche e con la benedizione delle rose, che poste in un sacchettino e accompagnate dall’immagine della Santa vengono utilizzate come protezione e benedizione della casa e della persona. Santa Rita è la santa delle cause perse e la s’invoca in situazioni disperate.

Pratiche:
• Fare un palo di maggio anche in miniatura.
• Ballare intorno al palo di maggio adornato con nastrini e fiocchi.
• Raccogliere fiori per adornare la casa per la bella stagione.
• Fare un cono di maggio (cornucopia, simbolo di abbondanza).
• Riempire un grosso recipiente con fiori freschi (quelli selvatici sono i migliori).
• Mettere fiori nei capelli.
• Raccogliere rose e petali di rosa da essiccare oppure per cucinare: marmellate, torte, biscotti, liquori.
• Gettare una monetina in un pozzo ed esprimere un desiderio
• Fare delle catene di margherite o ghirlande di fiori freschi.
• Fare una ciotola di Beltane con del vino in cui avete immerso dei fiori e berne con la persona che si ama.
• Fare braccialetti con nastrini bianchi e darli come regali agli amici.
• Comprare un nuovo specchio per la vostra stanza e decorarlo con nastrini e fiori.
• Indossare campanellini o bracciali e cavigliere con sonagli.
• Regalare un ramoscello con appeso un nastrino rosso al partner.
• Fare un bel picnic in un bosco col partner.
• Purificare la casa con fumigazioni di Ginepro.
• Regalare un piccolo bouquet di fiori alla persona di cui si è segretamente innamorati.
• Fare un falò al mattino e raccoglierne le ceneri. Spargerle poi intorno alla casa per proteggerla.
• Vestirsi con colori pastello, belli e luminosi.
• Suonare dei tamburi.
• Fare l’amore!
• Benedire il giardino facendo l’amore col partner.
• Esprimere un desiderio e saltare su un piccolo falò o una candela accesa.
• Cantare all’alba e al tramonto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *